...Verona, i bunker dei bastioni


torna indietro


L'importante posizione geografica e socio-economica di Verona ha reso da sempre necessario un attento sviluppo delle difese cittadine. Per questo motivo nel corso della storia e' stata ordinata la costruzione di fortificazioni e cinte murarie, evidenti tracce del passato storico della cittą a partire dall'epoca romana passando da Cangrande I della Scala, dalla Repubblica Veneta all'Impero Asburgico.

Questa catena di bastioni, ancora presenti e visitabili ai nostri giorni, non passarono inosservati dalle forze armate tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale, che trasformarono alcune opere gia' presenti in poderosi bunker sotterranei, rinforzando le strutture con imponenti colate di cemento armato.

Le poterne dei bastioni, che sono tunnel di collegamento tra l'esterno e l'interno della cinta muraria, vennero chiusi con una muratura di cemento, e all'interno venivano ricavate stanze, uffici, rifugi.

La mappa sottostante mostra i quattro principali bunker costruiti dai tedeschi all'interno di queste poterne.

bastione della Santissima Trinita'

bastione dei Riformati

bastione di Santo Spirito

 

desideriamo ringraziare tutte le persone che ci hanno aiutato a trovare informazioni e che ci hanno permesso di entrare nei bunker. In particolare Mauro Quattrina per le innumerevoli informazioni, Michele degli impianti sportivi di Raggio di Sole per la disponibilitą e Legambiente per l'interessante visita al bastione di Santo Spirito. Alcuni dettagli storici li abbiamo invece ottenuti dal sito Verona Fortificata, che vi invitiamo a visitare.