...ex campo aviazione di Villafranca - Ganfardine


torna indietro


Tra gli innumerevoli punti nevralgici della Seconda Guerra Mondiale vissuta, suběta e combattuta nella provincia di Verona, il campo di volo di Villafranca / Ganfardine e' stato sicuramente uno dei maggiori protagonisti, avendo attivamente partecipato al conflitto con l'avvicendarsi di diversi gruppi di volo di quasi tutti gli schieramenti in campo.

Questo ha scritto nella storia dell'aeroporto pagine di glorie e gesta di piloti, ma anche di ripetuti bombardamenti, rastrellamenti e lutti.

La foto qui sopra e' stata scattata durante la Missione 136 del 461 Gruppo dell'USAAF da un bombardiere B-24 Liberator il 18 novembre 1944 durante un bombardamento nell'area di Ganfardine. Le linee bianche sono gli appunti disegnati sulla foto dal personale statunitense per evidenziare le zone di interesse militare.

L'aeroporto in quel periodo era piu' spostato verso il paese di Ganfardine rispetto all'attuale posizione dello scalo di Verona - Villafranca. Presentava una forma triangolare: via Firenze, la frazione di Ganfardine e quella di Calzoni i vertici, le strade Villafranca-Sommacampagna e Villafranca-Verona due dei tre lati.

La mappa riportata qui sotto evidenzia la posizione del vecchio campo di volo sovrapposta alla fotografia satellitare (tratta da Google Maps) dell'aeroporto attuale.

Evidenziati in bianco si possono vedere la pista principale e la vasta zona dei raccordi di decentramento (dispersal) dove venivano ricoverati gli aerei durante i bombardamenti. Durante il conflitto vennero utilizzate decine di piste secondarie ricavate dai raccordi qualora la pista principale veniva resa inutilizzabile.

Per disorientare e confondere le forze nemiche venivano spesso allestiti falsi hangar di ricovero con simulacri di aerei da combattimento in legno dispersi per tutta la zona aeroportuale.

Al giorno d'oggi gran poco e' rimasto di quel vecchio campo di volo, in parte inglobato dal nuovo aeroporto, in parte dalla nascente zona industriale di Villafranca. Purtroppo di recente abbiamo visto come uno dei piu' "solidi" reperti sia stato definitivamente cancellato per lasciar spazio ad un residence (vedi il bunker di Caluri).

Pero' una zona periferica di Villafranca ci offre ancora una serie di interessanti resti, che potete vedere nei link riportati qui sotto.

resti ex campo di volo

resti hangar S.R.A.M.

bunker zona caserme

cenni storici: le origini dell'aeroporto

 

 

Ringraziamo Mauro Quattrina per le informazioni e le immagini che ci mette sempre a disposizione e tutte le persone, giovani e meno giovani, che abbiamo incontrato passeggiando ripetute volte in quelle zone e che ci hanno fornito informazioni e dettagli importanti. Non possiamo che augurarci che con il passare del tempo anche queste piccole testimonianze non vengano cancellate.