...Verona, rifugi in grotta


torna indietro


Sin dalle origini Verona si sviluppò a ridosso del fiume Adige e delle colline moreniche che circondano la città, offrendo naturale riparo e fonte di risorse primarie. Con lo sviluppo urbanistico, nel corso degli anni queste colline sono divenute parte integrante della città, a pochi passi dal centro storico, inglobate dagli edifici dei quartieri in espansione.

Da sempre queste colline sono state utilizzate come rifugio, ospitando un gran numero di grotte scavate al loro interno sparse un po' ovunque vi fosse necessità. Necessità che si presentò fondamentale anche durante il secondo conflitto mondiale, offrendo rifugio alla popolazione contro i bombardamenti aerei alleati.

Nelle mappe che seguono, estrapolate dal servizio offerto da Google Maps, abbiamo segnato la posizione di alcune di esse, sopravvissute al tempo ed alle esigenze urbanistiche, talvolta intatte, utilizzate come cantine o convertite ad altri utilizzi.

Cliccando sulla mappa si può accedere alla pagina descrittiva di ogni grotta censita.

via San Zeno in Monte

via Nazario Sauro / via Volta