Verona, palazzo INA


torna indietro


Nel centro di Verona, in Corso Porta Nuova, si trova il Palazzo INA, che durante la Seconda Guerra Mondiale era sede dell' ufficio Sicherheitsdienst (SD, Servizio di Sicurezza).

il Sicherheitsdienst (SD, Servizio di Sicurezza) era il servizio segreto delle SS. Era incaricato dell'individuazione dei reali o potenziali nemici del nazismo, e della neutralizzazione di questi oppositori. (fonte Wikipedia)

In diretto contatto con Berlino, qui venivano rinchiusi i prigionieri in attesa di giudizio. Le celle erano situate nelle attuali cantine, disposte su due piani sotterranei. Il cancello per accedere ad esse e' ancora quello originale.

Al primo piano sotterraneo ormai ogni traccia e' andata persa nel tempo da vari lavori di sistemazione, mentre al secondo piano ci sono ancora alcuni segni del passato di questo palazzo.

Alcune cantine hanno ancora le porte originali con le scritte tedesche. Si possono osservare le stanze adibite alla centrale telefonica, alla telescrivente e agli "ospiti italiani".

Anche alcuni interruttori della luce sono ancora quelli originali dell' epoca

All'interno delle celle e' possibile notare il condotto di aerazione.

In una delle stanze non contrassegnate da alcuna scritta si trova il passaggio d'ingresso al bunker antiaereo che si trovava sotto Piazza Cittadella. La porta in legno e' quella originale.

Il cunicolo avanza per pochi metri prima di trovare una colata di cemento che impedisce di procedere. Attualmente in Piazza Cittadella c'e' un parcheggio sotterraneo, ed ogni traccia del vecchio bunker e' andata persa.

La memoria storica di questo palazzo meriterebbe sicuramente maggiore attenzione. Da parte nostra ci possiamo soltanto augurare che queste tracce vengano conservate e valorizzate.

Dobbiamo sentitamente ringraziare il Sig. Valter Simone per la disponibilita' nel farci da guida e per le preziose informazioni che ci ha fornito durante la nostra imprevista visita!